Vaccino Covid-19: prima le persone con disabilità e i caregiver

vaccino covid-19
piano di vaccinazione – seconda fase

Vaccino Covid-19: quali sono le categorie con priorità? In questo periodo è molto alta l’attenzione sulla definizione delle categorie che per prime dovrebbero ricevere il vaccino Covid-19. A questo proposito, è stato fondamentale l’intervento dell’Associazione Luca Coscioni nel richiedere di dare priorità alle persone affette da disabilità e alle loro famiglie.

Quali sono le categorie con priorità alta per il vaccino Covid-19?

Come ben sappiamo, l’attuale numero di vaccini Covid-19 non è sufficiente per coprire nell’immediato tutta la popolazione italiana. Di conseguenza, è necessario stilare un “piano vaccinale”. In tale piano, il Governo ha il compito di indicare quali sono le “categorie di persone” che per motivi di salute, anzianità e lavoro debbono ricevere il vaccino per prime. Queste categorie sono denominate le “categorie prioritarie” della seconda fase di vaccinazione.

Priorità alle persone con disabilità e alle loro famiglie

Il primo piano vaccinale pubblicato dal Governo non riconosceva tra le “categorie prioritarie” le persone con disabilità né chi si prende cura di loro. Solo a seguito dell’appello fatto dall’Associazione Luca Coscioni, il Governo ha inserito anche le persone con disabilità tra le categorie che necessitano il vaccino con alta priorità.

Tuttavia, è necessario che il Governo faccia un ulteriore passo in avanti includendo nell’attuale campagna vaccinale anche tutti coloro che ogni giorno si prendono cura di familiari con disabilità. La non inclusione dei Caregiver nel piano vaccinale è da imputare all’assenza di un pieno riconoscimento di questa figura, all’interno del sistema giuridico italiano. Infatti, come abbiamo ribadito più volte nei nostri articoli, il nostro sistema welfare è tra quelli meno virtuosi in ambito europeo, in tema di politiche assistenziali.

Bisogna considerare che nel caso in cui un Caregiver contraesse il Covid, inevitabilmente, chi riceve le cure da questa persona rimarrebbe solo. In questo scenario, la persona non autosufficiente potrebbe persino avere difficoltà nel soddisfare i suoi bisogni primari; come mangiare, andare in bagno, prendere le medicine, cambiarsi…

Di conseguenza, appare evidente come sia più che mai necessario vaccinare i Caregiver. Con questo obiettivo, l’Associazione Luca Coscioni ha avviato una raccolta firme che servirà a presentare un appello al nuovo Governo Draghi. Al seguente link potete trovare e aderire all’iniziativa “Vaccinateci, insieme a chi si prende cura di noi. Dai nostri corpi al cuore della politica”.

Categorie prioritarie nella seconda fase di vaccinazione

Nella tabella di seguito vengono elencate quali sono le categorie prioritarie della seconda fase di vaccinazione. Per ulteriori informazioni vi consigliamo di leggere il Piano strategico dell’Italia per la vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19”, redatto dal Governo l’8 febbraio 2021.